Email : spedizione@chooyu2008.com :::: Tel : +39 339.8017*** :::: Skype : ********** :::: English Version English Version
cho oyu
La Spedizione Cho Oyu 2008
A 8.201 metri c'è un punto, tra cielo e terra, che sulle carte è indicato come "Cho Oyu". E' la sesta montagna per altezza del piccolo pianeta terra. "Cho Oyu 2008" è una spedizione italiana che tra settembre e ottobre 2008 tenterà di salire in stile alpino, senza ossigeno, questi 8 chilometri abbondanti di roccia e neve. .. Leggi Tutto...
ferno asus eeepc ziehm amaka
reggiogas rescue consulting Farmacia Montecavolo mastervoice
relaitron italcomm spiracle Latteria Bismantova
amaka gvtel lepidaa
Ultime dal Blog

Nicola - domenica 05 ottobre 2008 -
Ora abbiamo la conferma dell'incidente fatale capitato a Guy Leveille, membro canadese della spedizione internazionale di Field Touring condotta da Stuart Remensndyer (Stu) con il quale abbiamo avuto diversi contatti durante la nostra permanenza ai campi.
Guy sembra stesse scendento verso il campo 3 quando e' caduto ed e' deceduto in seguito alla gravita' delle ferite.
Siamo vicini al dolore della famiglia di Guy e degli amici che in questi giorni hanno faticosamente cercato notizie dell'accaduto. Gli altri membri della spedizione, tra i quali il nostro amico Italo, comunica Field Touring, sono rientrati al sicuro al campo Base.
lorenzo - domenica 05 ottobre 2008 -
Con gli occhi puliti e stupiti della prima volta...
Fabrizio - sabato 04 ottobre 2008 -
tempo immobile
L'aria e' pungente, e lo e' da questa mattina da quando siamo partiti, campo base in spalla, per scendere verso la pianura, verso Tingri.
A piedi, yaks al seguito, impiegheremo piu' o meno tutto il giorno.
Il cielo e' cosi' limpido che quasi graffia la pelle.
I panorami abbassano ulteriormente il livello dell'O2 nell'aria, e fotografarli non soddisfa.
Occorre rifotografarli e rifotografarli e rifotografarli..

Oggi e' la giornata dell'essere, lentamente, in un tempo immobile.
Una condizione in cui solo sensazioni esistono.
Non c'e' spazio per il tempo, non vi e' fretta, non vi e' necessita' di arrivare, di fare.

Oggi un alpinista americano ha perso la propria vita dove due giorni fa mi sono fermato per lasciarmi prendere da essa.
Chissa, forse dopo, la condizione di pienezza e' come oggi.
Ma per sempre.
Nicola - venerdì 03 ottobre 2008 -
Stamattina mentre eravano in discesa dal campo base verso Tingri, c'ha raggiunto la notizia tragica della morte di uno dei partecipanti ad una spedizione internazionale accampata a poche decine di metri da noi.

L'incidente sarebbe accaduto durante un'interminabile discesa dalla vetta, a quanto pare causa di problemi per almeno altri due membri della stessa spedizione che si trovano ora in difficolta' a campo 2.
Fabrizio - giovedì 02 ottobre 2008 -
Con il Tibet alle spalle
E' mezzanotte e un quarto quando mi sveglio per prepararmi al tentativo, l'ennesima volta che mi sveglio in questa gelida notte.
Sono a C2 a 7400m e sono ormai sei giorni che sono in alto, di cui due da solo.
I piedi nel saccopiuma nonostante due paia di calze e gli scaldotti di piumino, hanno alcune dita gelate.
Il vento continua a sbattacchiare la tendina scaraventandomi in faccia i ghiaccioli di condensa attaccati alle sue pareti.
Mi preparo una zuppa nepalese contro voglia e gia' al primo cucchiaio avverto un senso di nausea.
Mi sforzo di incamerare liquidi ma a breve rimetto tutto.
Gia da ieri sera non sono riuscito a mangiare molto e probabilmente due giorni di permanenza a 7400m sono stati eccessivi.
Oppure errori di inesperienza che non capisco.
Il tutone d'alta quota e' gia' infilato, anche perche' un po' di compagnia..
Prendo i thermos caldi, mi infilo imbrago e scarponi e con poca voglia provo a prendere la traccia verso l'alto, ma e' veramente un supplizio.

Le cose piu' importanti che ho sperimentato in questi giorni sono l'umilta' e la fatica.
Purtroppo la possibilta' di salita e' solo questa, ma il dietrofront e' senza remore.
Ai miei giochini di casa voglio tornare senza problemi aggiunti.
A mattino smontero' il campo e mi avviero' verso il basso.
Inseguire i propri sogni mi sembra cosa da non rinunciare.
Questo aveva comunque una propria durezza, una propria contingenza, con la quale misurarsi.

Ieri fermandomi a 7600m del C3 tutto sembrava perfetto,
Che lo fosse?
Nicola - giovedì 02 ottobre 2008 -
Oggi e' una giornata perfetta.

Daniele si e' fatto la barba, Fausto fa citazioni di S. Agostino, Lorenzo, efficiente come sempre, ci tiene informati ed aggiorna i siti.

Le comunicazioni radio con Fabrizio gia' a campo 1 ci rilassano ed io, novello Capitan Uncino, mi lecco le ferite (congelamento di 3 dita) con la faccia al sole di una giornata perfetta per salire la vetta... o per leccarsi le ferite.
lorenzo - giovedì 02 ottobre 2008 -
Fabrizio sta rientrando questa mattina da campo 2, sta bene e sara' a campo base questo pomeriggio.

Niente vetta del Cho Oyu per noi, che sabato lasceremo il campo base.

Non c'e' rammarico. E' andata cosi'.

Un'esperienza buona in piu' in questa cosa chiamata vita.

lorenzo - mercoledì 01 ottobre 2008 -
Su temperature e dintorni..
lorenzo - mercoledì 01 ottobre 2008 -
Nicola e' adesso a campo base, sta benone (pare un figurino) e ci sta raccontando la sua salita e la sua discesa.

Fabrizio che si trova a campo 2, decidera' nelle prossime ore se salire o tornare al base.
« Pagina Precedente | 1 · 2 · 3 · 4 · 5 · 6 · 7 ·... | | Prossima Pagina »

Guardando lontano: nuovi sogni
"Gasherbrum 2"
The Highest Blog
highestblog

Patrocinio di
Il Cuore della Montagna - Associazione Volontaria Cai Castelnovo ne'Monti Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano Univerità Insubria Comune Vezzano sul Crostolo Comune di Casina Comunità Montana Reggio Emilia Comune di Castelnovo ne' Monti
Quelli che..la vetta
nicola campani
Nato a Castelnovo ne' monti. Pratica Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Sportiva.
daniele corsini
Residente nel comune di Castelnovo ne’ Monti (RE) è nel Soccorso Alpino da 15 anni.
Fabrizio Silvetti
Residente nel comune di Castelnovo ne’ Monti (RE) è Skyrunner, Alpinista e Scialpinista.
Fausto Sassatelli
Nato e cresciuto a Montefiorino (MO) è maestro di sci ed esperto scialpinista.
Campo Base
lorenzo campani
Il "bocia" del gruppo. Nato a Castelnovo ne' Monti, prova a far valere due anni di esperienza in Himalaya.
paolo sivelli
Residente nel comune di Legnano (MI) è Alpinista e Medico.
Ngima Sherpa
Ngima Sherpa
Ngima Sherpa sarà il nostro "angelo custode" nella spedizione del 2008 al Cho Oyu così come lo è stato nel 2007 in Nepal sull'Annapurna. La sua agenzia "Pike Expedition" è una piccola famiglia allargata. Famiglia efficiente, premurosa, simpatica.
The Highest Blog

highestblog
Portare tra gli ottomila dell' Himalaya un blog per comunicare con il mondo più in basso. Una piccola sfida, non solo tecnologica.
Newsletter
Nome:
* La tua email:
Cerca nel sito
Perchè diventare Sponsor o Partner di una spedizione come Cho Oyu 2008 ? E' una domanda semplice a cui rispondere con altrettanta semplicità :

  • L'alpinismo è una disciplina pulita, umile, faticosa, leale. Questi sono i valori che si trasferiranno anche al vostro marchio.
  • perchè il vostro investimento sarà visibile e concreto; sarete anche voi lassù, sulla sesta montagna del pianeta terra, insieme a noi.
  • perchè chi diventa sponsor può godere di agevolazioni fiscali.

Se vuoi diventare sponsor di "Cho Oyu 2008" puoi contattarci via telefono, mail, skype. Oppure contatta direttamente MediaSport.

Trekking di supporto
trekking Cho Oyu 2008
Alla spedizione "Cho Oyu 2008" è stato affiancato un trekking che, viste le condizioni politiche-sociali del Tibet della primavera scorsa, ha dirottato il proprio percorso nella valle del Khumbu (in Nepal) fino a raggiungere il versante sud dell'Everest e del Cho Oyu stesso.
Progetti
La spedizione e il trekking "Cho Oyu 2008" saranno l'occasione per sviluppare alcuni progetti, assolutamente innovativi, di carattere medico, scientifico e tecnologico. Ma non solo. A questi infatti si affiancherà anche un "progetto solidale" nel settore scolastico.

Se volete conoscere tutti i particolari sui progetti, potete visitare la pagina dedicata. Se volete contribuire ad uno dei progetti, potete trovare informazioni utili nella sezione "Contribuisci".

pietrabismantova L'appennino reggiano è la nostra terra e quando si parla della propria terra alle volte si rischia di esagerare con le lodi. Se dovesse accadere, prendetelo solo come un sintomo d'affetto, che il cielo sotto cui si è nati tende ad essere sempre più blu di qualsiasi altro, o quasi.

Anche se l'appennino reggiano non è l'Himalaya (oh no, non lo è), è di certo un posto bello, affascinante e piacevole. Un posto unico, per luoghi, orizzonti, sapori, a partire dal quello strano ed enorme sasso, messo lì chissà come e chissà quando, che chiamiamo Pietra di Bismantova. Continua a leggere >>
Credits
Tutto il materiale presente su Chooyu2008.com è rilasciato sotto licenza Creative Commons.

Leggi tutti i credits

Feed:

rss feed chooyu2008 atom feed chooyu2008
Login
:
:
Codice valido xhtml 1.0 strict