Email : spedizione@chooyu2008.com :::: Tel : +39 339.8017*** :::: Skype : ********** :::: English Version English Version
cho oyu
Leccarsi le ferite
Nicola - giovedì 02 ottobre 2008
Oggi e' una giornata perfetta.

Daniele si e' fatto la barba, Fausto fa citazioni di S. Agostino, Lorenzo, efficiente come sempre, ci tiene informati ed aggiorna i siti.

Le comunicazioni radio con Fabrizio gia' a campo 1 ci rilassano ed io, novello Capitan Uncino, mi lecco le ferite (congelamento di 3 dita) con la faccia al sole di una giornata perfetta per salire la vetta... o per leccarsi le ferite.

Commenti
andrea p - andreapuntopolichiocciolafernopuntoit scrive :
va bene, ottimo comunque capitan uncino e soci!!! portate a casa i pochi neuroni che vi sono rimasti!! ciao a tutti, andrea p
02/10/08 - 11:21:06
Vincenzo di Varese - vpuntospada3chiocciolaalicepuntoit scrive :
Raggiungere la vetta , dopo tanta fatica di preparazione , sembrerebbe la cosa piu' logica, ma la vita e' il piu' grande dono che il Padre Eterno ci ha dato e rispettarla fa' grande l'uomo !
Coraggio sara' per un'altra volta.
Saluti a tutti , un " Namaste' " particolare al mio amico Ngima .
02/10/08 - 12:49:28
Ba scrive :
Fabri la Mirella scrive "abbi cura di te stesso noi siamo qui che ti aspettiamo a braccia aperte..." ti vogliamo bene
02/10/08 - 13:40:27
rarno scrive :
Forza, Nic, e a tutti voi.
L'importante è che non ti si congeli la lingua ;) per raccontarci questa straordinaria avventura.
...anche se, in un blog, le dita (delle mani o dei piedi?) sono importanti!!!
Complimenti a tutti voi per la magnifica impresa!!!
rarno - Reggio E.
02/10/08 - 14:04:24
Giorgia - giorgiapuntooriglianichiocciolalivepuntoit scrive :
Per Daniele... sembri ancora più rinsecchito! Vedrai che cenette ti farà la Chicchi per rimetterti in carne... E' ora di lasciarla, questa montagna che pare prendersi gioco di voi. Ora, solo ora che le avete detto che ve ne andate, si mostra affabile ed addomesticabile, vi mostra il suo lato migliore. E' l'ora del rientro per far felici anche noi che vi abbiamo seguiti con tanta ansia tutti questi lunghissimi giorni. Un abbraccio. Gio
02/10/08 - 14:32:57
mari scrive :
Bravi ragazzi a tutti!!! E ancora grazie per tutto quello che ci trasmettete. La vostra impresa rimarrà ineguagliabile nei nostri e nei vostri cuori.
02/10/08 - 14:43:41
giulio scrive :
Va bene così!!! la vita è questa ragazzi non chiede di essere il più forte o il migliore: chiede solo di provarci...e voi lo avete fatto
e...caro Capitan Uncino...l'Isola che Non c'è esiste...urka s'esiste!!!!!! l'hai di fronte ai tuoi okki!!! quando potete dateci notizie di Fabrizio per favore.
02/10/08 - 15:53:38
SONIA scrive :
E' COMUNQUE UNA BELLA SODDISFAZIONE!
02/10/08 - 16:03:07
SONIA - soniapuntosordinichiocciolaliberopuntoit scrive :
E' COMUNQUE UNA BELLA SODDISFAZIONE!
02/10/08 - 16:03:59
Simona scrive :
Il tempo (quello tiranno) e il tempo (quello meteo) non sono stati dalla vostra parte. Ma avete vissuto un'esperienza unica, che rimarrà tale anche senza la vetta. Ne avete raggiunte altre, dentro di voi! E avete permesso anche a noi di vivere forti emozioni. Grazie!
Un abbraccio e fateci sapere di Fabrizio!
Simona
02/10/08 - 16:23:09
PAOLA B. - ppuntobonorichiocciolamboxpuntoprovinciapuntorepuntoit scrive :
Per nicola: Leggo bene? 3 dita congelate???? A parte gli scherzi. Complimenti davvero perche' comunque state facendo qualcosa di molto emozionante. Sono certa che le tue dita recupereranno e come ho appena detto con tua moglie avendole IO ancora tutte e 5 INCROCERO' LE DITA ANCHE PER TE!!!
02/10/08 - 17:18:46
grazia - mpuntograziapuntonchiocciolainwindpuntoit scrive :
ciao Nicola,complimenti per la tua perseveranza di fronte a situazioni che avrebbero scoraggiato tanti (sopratutto noi che stiamo qui al caldino)..cosa vuoi che siano 3 dita ..quando se ne hanno altre 7!!!Inoltre per mandare qualcuno a quel paese non basta il dito medio??
02/10/08 - 20:11:31
Gianluca - gpuntofacchettichiocciolatinpuntoit scrive :
Caro Nicola,
da come lo hai descritto il tuo congelamento sembrerebbe di secondo/terzo grado. Ti consiglio di prendere dell'aspirina 500-1000 mg/die ( a stomaco pieno)da sola o se la vuoi associare con altri analgesici non oppioidi 250-500 mg/die. Immergi la mano in acqua a circa 37°C, deve essere calda, ma non deve scottare (baby bath temperature)per una mezz'ora. Se possibile nell'acqua mettici anche del disinfettante. Avvolgi, quindi, la mano in teli puliti, meglio sterili e tienila al caldo. Prendi degli antibiotici ad ampio spettro dovresti avere dell'ampicillina (1g/12 ore)o qualcosa di simile; le zone congelate tendono ad infettarsi facilmente. Cerca di mangiare bene (molte proteine) e di bere molto (no alcol) e se ci riesci scendi più in basso che puoi...l'ossigeno è vita anche per le ultime falangi delle tue dita.
Fammi sapere come va' e se hai bisogno che ti contatti qualcuno a Kathmandu. Ti abbraccio forte.
Gianluca
02/10/08 - 23:39:22
Angela - apuntoventurinichiocciolasaerpuntoorg scrive :
Non hai proprio nessun tipo di ossigeno? Perchè se hai una piccola bombola puoi cacciarla in un sacchetto, poco aperta, con la mano e poi ciudere con dello scotch e fare una piccola camera iperbarica. Ci guariscono anche le piaghe da decubito... figurati la tua pellaccia! Trattati bene, con chi me la prendo poi?
03/10/08 - 20:20:39

A questo testo non è possibile aggiungere commenti
The Highest Blog
highestblog

Patrocinio di
Il Cuore della Montagna - Associazione Volontaria Cai Castelnovo ne'Monti Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano Univerità Insubria Comune Vezzano sul Crostolo Comune di Casina Comunità Montana Reggio Emilia Comune di Castelnovo ne' Monti
Quelli che..la vetta
nicola campani
Nato a Castelnovo ne' monti. Pratica Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Sportiva.
daniele corsini
Residente nel comune di Castelnovo ne’ Monti (RE) è nel Soccorso Alpino da 15 anni.
Fabrizio Silvetti
Residente nel comune di Castelnovo ne’ Monti (RE) è Skyrunner, Alpinista e Scialpinista.
Fausto Sassatelli
Nato e cresciuto a Montefiorino (MO) è maestro di sci ed esperto scialpinista.
Campo Base
lorenzo campani
Il "bocia" del gruppo. Nato a Castelnovo ne' Monti, prova a far valere due anni di esperienza in Himalaya.
paolo sivelli
Residente nel comune di Legnano (MI) è Alpinista e Medico.
Ngima Sherpa
Ngima Sherpa
Ngima Sherpa sarà il nostro "angelo custode" nella spedizione del 2008 al Cho Oyu così come lo è stato nel 2007 in Nepal sull'Annapurna. La sua agenzia "Pike Expedition" è una piccola famiglia allargata. Famiglia efficiente, premurosa, simpatica.
The Highest Blog

highestblog
Portare tra gli ottomila dell' Himalaya un blog per comunicare con il mondo più in basso. Una piccola sfida, non solo tecnologica.
Newsletter
Nome:
* La tua email:
Cerca nel sito
Perchè diventare Sponsor o Partner di una spedizione come Cho Oyu 2008 ? E' una domanda semplice a cui rispondere con altrettanta semplicità :

  • L'alpinismo è una disciplina pulita, umile, faticosa, leale. Questi sono i valori che si trasferiranno anche al vostro marchio.
  • perchè il vostro investimento sarà visibile e concreto; sarete anche voi lassù, sulla sesta montagna del pianeta terra, insieme a noi.
  • perchè chi diventa sponsor può godere di agevolazioni fiscali.

Se vuoi diventare sponsor di "Cho Oyu 2008" puoi contattarci via telefono, mail, skype. Oppure contatta direttamente MediaSport.

Trekking di supporto
trekking Cho Oyu 2008
Alla spedizione "Cho Oyu 2008" è stato affiancato un trekking che, viste le condizioni politiche-sociali del Tibet della primavera scorsa, ha dirottato il proprio percorso nella valle del Khumbu (in Nepal) fino a raggiungere il versante sud dell'Everest e del Cho Oyu stesso.
Progetti
La spedizione e il trekking "Cho Oyu 2008" saranno l'occasione per sviluppare alcuni progetti, assolutamente innovativi, di carattere medico, scientifico e tecnologico. Ma non solo. A questi infatti si affiancherà anche un "progetto solidale" nel settore scolastico.

Se volete conoscere tutti i particolari sui progetti, potete visitare la pagina dedicata. Se volete contribuire ad uno dei progetti, potete trovare informazioni utili nella sezione "Contribuisci".

pietrabismantova L'appennino reggiano è la nostra terra e quando si parla della propria terra alle volte si rischia di esagerare con le lodi. Se dovesse accadere, prendetelo solo come un sintomo d'affetto, che il cielo sotto cui si è nati tende ad essere sempre più blu di qualsiasi altro, o quasi.

Anche se l'appennino reggiano non è l'Himalaya (oh no, non lo è), è di certo un posto bello, affascinante e piacevole. Un posto unico, per luoghi, orizzonti, sapori, a partire dal quello strano ed enorme sasso, messo lì chissà come e chissà quando, che chiamiamo Pietra di Bismantova. Continua a leggere >>
Credits
Tutto il materiale presente su Chooyu2008.com è rilasciato sotto licenza Creative Commons.

Leggi tutti i credits

Feed:

rss feed chooyu2008 atom feed chooyu2008
Login
:
: